Crea sito

Nel “laboratorio” di Michael, intervista con il tecnico del suono Matt Forger

19 Ottobre 2012

Per i suoi 25 anni l’album Bad aggiunge un un concerto dal vivo e una serie di inediti. L’ingegnere del suono Matt Forger ha partecipato alla genesi del disco e alla ricerca delle sue rarità.

Con il suo timbro da serafino fragile, Michael Jackson una volta ha spiegato come le canzoni gli arrivavano: “E’ come stare sotto l’albero, a guardare una foglia cadere e cercare di prenderla. E’ bello così”. Ascoltare la sua voce ondeggiare in “I’m So Blue”, aprire le ali in “Free”, farsi irresistibilmente lamentosa o dura negli inediti della riedizione di Bad conduce allo stesso stato di abbagliamento. Un sogno di cui si dice che la Musa non ha mai abbandonato il “camminatore lunare”, che continua a vivere attraverso le sue canzoni.
Usciti nell’occasione del venticinquesimo anniversario dell’album, questi nuovi titoli sono disponibili in un cofanetto che include una performance adrenalinica, anch’essa inedita, filmata nel 1988 a Wembley. Messi insieme seguendo gli standard dell’album, formano una corona artistica il cui sfarzo dissipa le ombre diffuse per lungo tempo su Bad dal disco fenomenale a cui ha fatto seguito.
Tecnico del suono jacksoniano dalle sessioni di Thriller, Matt Forger ha portato alla luce quei pezzi fino ad ora sconosciuti. I suoi ricordi aprono le porte del “laboratorio”, questa casa-studio dove Jackson ha prodotto gli abbozzi di Bad .

Si dice che Michael, a un certo punto del periodo dopo Thriller, abbia scritto “100 milioni” su un pezzo di carta e lo abbia incollato sullo specchio del suo bagno. L’aneddoto è vero?
Sa, ogni artista il cui album raccoglie un enorme successo vuole che il prossimo faccia ancora meglio. Per rispondere alla sua domanda: sì, è vero, lo ha scritto e lo ha incollato allo specchio del bagno. Lo ha fatto per se stesso, al fine di incoraggiarsi a lavorare meglio e di più, per fare progressi sul piano creativo. L’ironia è che non è l’album Bad che ha venduto 100 milioni di copie, ma in realtà è Thriller che ha ormai superato quella cifra. Stranamente, il numero che aveva scritto è stato superato.

Si ricorda quando Michael ha cominciato a scrivere le canzoni per Bad?
Abbiamo lavorato con Michael su un progetto intitolato Captain Eo, per i parchi Disney. Era un film in 3D in cui la musica era di Michael e in cui recitava. E’ stato quando queste composizioni furono finite che abbiamo iniziato a lavorare sulle canzoni dell’album Bad. Era l’estate del 1985. In primo luogo abbiamo lavorato su “Dirty Diana”, poi “Smooth Criminal”. Poi è stata la volta della canzone “The Way You Make Me Feel”, che era originariamente chiamata “Hot Fever” – ma con il progresso della scrittura dei testi, il gancio e il ritornello della canzone ne sono diventati il titolo. Dovete capire che il progetto Bad iniziò così: ho iniziato a lavorare con Michael e il musicista John Barnes nello studio familiare di Encino nel luglio del 1985, se la memoria non mi inganna. E Quincy Jones non ha cominciato a lavorare negli studi Westlake prima di agosto 1986. Perciò ho lavorato con Michael per un anno intero prima che le registrazioni iniziassero in parallelo ai Westlake Studios. Michael ha passato tutto questo tempo a sviluppare le canzoni, lo stile delle sue produzioni, gli arrangiamenti, i tipi di suoni che voleva. E tutto questo è stato incoraggiato da Quincy Jones.

Può dirci cos’era il “laboratorio”?
Il “laboratorio” era il nome dello studio dove ho lavorato con Michael. Si trovava nella sua proprietà, nel quartiere di Encino a Los Angeles. Per molti anni aveva avuto, sempre là, uno studio di registrazione molto piccolo dove Michael e i suoi fratelli registravano le loro demo. Poco prima che iniziassi con Michael nell’album Bad ha fatto rinnovare questo studio e installare un impianto più moderno, di livello professionale. Così avevamo uno studio di registrazione all’avanguardia. Michael amava sperimentare, voleva creare qualcosa di nuovo che nessuno aveva sentito prima, sia in termini di musica che in termini di suoni utilizzati. Sono stati condotti un gran numero di esperimenti con diverse apparecchiature. Abbiamo lavorato con campionatori, apparecchi di registrazione, varie attrezzature musicali. A quel tempo c’era una nuova macchina, il Synclavier, un sintetizzatore digitale capace di produrre campioni e generare suoni che potevano essere programmati. A volte andavamo in luoghi diversi per registrare i suoni in luoghi con attributi sonori specifici. E a volte utilizzavamo anche oggetti della vita di tutti i giorni come un bidone della spazzatura, una scopa o un pezzo di metallo, dai quali registravamo i suoni prima di manipolarli per renderli originali e innovativi. I suoni creati erano spesso percussioni, piccoli rumori secchi che si ritrovano per esemprio su canzoni come “Bad” e “Speed ??Demon”. Più in generale, una gran parte del nostro lavoro di produzione in laboratorio era dare corpo alle idee di Michael. Quando il nostro lavoro era fatto venivano trasmessi a Quincy Jones e Bruce Swedien ai Westlake Studios, e loro finalizzavano la produzione dell’album.

Com’era quel luogo?
Una piccola casa, che potrebbe essere descritta come una dependance, era situata lontano dall’edificio principale, sul retro della proprietà. E questa casa è stata poi convertita per ospitare lo studio di Michael e l’ufficio dove gestiva i suoi affari. L’edificio era decorato in mattoni, in questo stile molto familiare, confortevole e caratteristico dei parchi Disney. Una grande vetrata si affacciava all’esterno e guardandola si aveva l’impressione di osservare la vetrina di un negozio di giocattoli: sembrava di vedere una scena, un diorama con tante bambole e giocattoli. Una volta dentro l’edificio si entrava nella sala controllo dello studio, e c’erano altre parti destinate ai musicisti e alla registrazione vocale. Accanto alla finestra con le bambole c’era questo spazio che chiamavamo il negozio di caramelle, con un sacco di varietà di dolci in mostra, in modo che i bambini che passavano potevano servirsi

Può descrivere una tipica sessione di registrazione?
Eravamo in genere in due a lavorare in studio: un tecnico del suono e un’altra persona, musicista o programmatore. Bill Bottrell ed io ci alternavamo nella posizione di tecnici del suono. I due musicisti che si occupavano dei sintetizzatori e della programmazione erano John Barnes e Christopher Currell. Quando eravamo in studio e Michael faceva la sua comparsa, buttava là qualcosa del tipo: “Oggi lavoreremo su ‘The Way You Make Me Feel’, su ‘Hot Fever’, e lavoreremo sui suoni della batteria e del basso” . Così quel giorno ci concentravamo su questi suoni specifici. Michael ci annunciava al suo arrivo il programma del giorno, quindi non sapevamo in anticipo quello che avremmo fatto in un dato giorno. Questo faceva parte della sfida – Michael si presentava, ci dava le sue istruzioni e iniziavamo a preparare il materiale ed entusiasmarci sul lavoro della giornata. Lavoravamo sempre duramente, ma al tempo stesso Michael, con il suo grande senso dell’umorismo, ha sempre assicurato che l’atmosfera rimanesse lieve e giocosa.

Quincy Jones ha detto che voleva che Michael proiettasse un’immagine più dura per Bad. Pensa che questo si rifletta nelle canzoni del disco?
Penso che se si ascolta Thriller l’unica canzone che ha un lato più tagliente è “Beat It”. In altri brani, il suono non è così duro, così aggressivo. Penso che Michael volesse plasmare la sua immagine secondo le proprie condizioni. Voleva controllare il livello del suo aspetto e del suo stile, ma anche la sua musica. Molte canzoni dell’album Bad hanno anche un suono più aggressivo, più tagliente. Questa rappresentazione particolare di suoni e strumenti su “Smooth Criminal” e le chitarre rock di “Dirty Diana” lo mostrano con chiarezza. Voleva davvero forgiare la propria identità.

Quindi è stato un orientamento all’inizio del progetto?
Piuttosto che cambiare lo stile che lo aveva fatto conoscere, penso che volesse aggiungere un’altra freccia al suo arco, un’altra dimensione agli stili musicali che aveva già scritto. Perché ha sempre scritto canzoni e ballate assolutamente splendide, come “I Just Can’t Stop Loving You”. Credo che volesse affermare che non era solo in grado di scrivere belle ballate e canzoni dance, ma poteva anche scrivere canzoni con un lato più incisivo.

Possiamo dire che l’album è più rock rispetto ai precedenti?
Credo di sì. C’è una maggiore influenza del rock su molte canzoni.

Michael ha cantato in maniera un po’ diversa su Bad. Ha introdotto nuovi artifici vocali, come ad esempio quei “dah” che punteggiano i versi delle sue canzoni. L’ha sentito lavorare su questi nuovi effetti, che non erano presenti Thriller?
Questo unisce ciò che abbiamo evocato in precedenza: il suo desiderio di ampliare la portata della sua musica e la sua voce, di aggiungerci nuove dimensioni. Quindi ha cominciato a cantare in modo molto crudo, molto roco, molto aggressivo in alcune canzoni. E poi ha introdotto più verbalizzazioni, parole di natura improvvisata che uscivano in modo gutturale o più emotive a seconda del contesto. Era un modo per esprimere liberamente le proprie emozioni. Nella canzone “Man In The Mirror” arriva l’espressione “Shamon” – e spesso la gente si è chiesta il significato di questa espressione. Michael utilizzava questi elementi come vettori per esprimere le sue emozioni, i suoi sentimenti. Alcuni hanno la loro origine nello slang, oppure sono solo espressioni verbali di un sentimento. E quindi sì, ne faceva molto più uso di prima. Era una delle aree in cui si era lanciato per esplorare le caratteristiche della la sua voce.

Michael Jackson e Matt Forger sessioni di Thriller ©Matt Forger

Ha iniziato a lavorare con Michael all’epoca di Thriller. La natura del rapporto tra Michael e Quincy Jones è cambiata durante il periodo Bad?
Quincy incoraggiava Michael ad esercitare un maggiore controllo sulla sua musica, a scrivere delle canzoni, ad affermare il suo carattere sia su un piano personale che musicale. E ci sono stati momenti in cui… Diciamo che durante Thriller l’intesa era più armoniosa. In Bad Michael aveva alcune idee ben chiare sul suo stile, cosa che portava a discussioni durante le quali Michael dichiarava le sue opinioni, perché il successo dell’album Thriller gli aveva dato grande fiducia in se stesso. Voleva acquisire più indipendenza, diventare più forte. E da questo punto di vista dava una risposta a Quincy che lo incoraggiava ad affermarsi a livello individuale e musicale.

La separazione professionale tra Michael e Quincy, che si è concretizzata nell’album successivo, era quindi già in gestazione nel periodo Bad?
Quincy si occupava della musica per il film The Wiz quando incontrò Michael. The Wiz, interpretato da Diana Ross, raccontava la storia del Mago di Oz , ma sotto forma di commedia musicale in un contesto urbano e moderno. Michael recitava in questo film e fu in questa occasione che Quincy lo incontrò. Fecero amicizia e ebbero questa discussione durante la quale Michael gli disse di essere alla ricerca di un produttore per registrare il suo primo album da solista, che doveva uscire a breve. Si intesero benissimo e ritennero che un accordo che vedeva Quincy produrre Michael costituisse una combinazione molto forte di talenti. Ma c’era anche un rapporto d’affari tra Quincy e la Epic, l’etichetta di Michael. E prevedeva che Quincy doveva produrre tre album. E tre album furono prodotti da Quincy: Off The Wall, Thriller e Bad . Quando Bad fu completato, il contratto di Quincy con l’etichetta discografica era scaduto. E penso che Quincy, sapendo che Bad era l’ultima parte di questa serie di tre album, abbia incoraggiato Michael a diventare una forte personalità, in modo che, andando avanti nella sua vita e nella sua carriera, potesse prendere il controllo della propria musica.

Parliamo della nuova riedizione dell’album – il progetto Bad 25. Come l’ha sviluppato l’Estate di Jackson e come ha partecipato lei?
Sono stato contattato sia dall’Estate di Jackson che dalla Sony e mi hanno detto di voler uscire per il venticinquesimo anniversario con qualcosa di speciale che comprendesse tutte le cose che hanno creato la reputazione di Bad . L’album, ovviamente, ma anche il Bad tour, che girò tutto il mondo per un anno e mezzo. Dato che ho lavorato tantissimo con Michael per l’album, hanno contato su di me per verificare le canzoni. Queste canzoni sono state poi esaminate da Sony e dall’Estate e delle canzoni che non sono mai state pubblicate prima sono state selezionate. Alcune erano quasi complete – la registrazione era stata fatta, ma non erano state mixate – mentre altre erano state mixate, ma non erano uscite. Si tratta di canzoni che Michael aveva presentato a Quincy per essere incluse nell’album, ma sono state respinte in favore di titoli che lui stimava più forti. Perciò hanno fatto appello a me perché mixassi in studio alcuni di questi titoli, e perché ne preparassi alcuni altri per apparire sul secondo CD con le canzoni aggiuntive. Una delle cose a cui io, l’Estate e tutti siamo stati estremamente attenti è che la musica venisse presentata in modo esattamente conforme a quello che Michael voleva all’epoca. Per quanto possibile, tutto ciò che abbiamo usato è del periodo Bad . Nulla di più è stato registrato, non c’è stata alcuna manipolazione sulla voce di Michael, nessuna elaborazione del suono che non si rifaccia a quello che era stato fatto in quel momento. Alcuni mix di queste canzoni inedite erano stati realizzati nello studio di Encino, ma dato che su alcuni il mix dell’epoca non era di alta qualità, mi hanno chiesto di mixare di nuovo alcuni di questi brani. Sono stato quindi coinvolto in tutto il progetto, sia come consulente che come tecnico del suono che per il mixaggio. Data la mia presenza a Encino quando queste canzoni sono state registrate, ho una profonda comprensione di come Michael voleva che fossero.

Dal momento che hai passato in rivista queste canzoni, ci puoi dire quante canzoni sono state registrate da Michael in questo periodo, tra il 1985 e il 1987? Alcuni parlano di 62, altri di 66 titoli?
E’ una cifra che si aggira intorno alle 60 – 70 canzoni. Dire che ci sono 60 o 70 titoli non è rappresentativo, però. Perché quando si lavora su una musica, molto spesso inizialmente poteva essere solo un’idea, un semplice groove – forse solo una parte di batteria e basso. Dopo di che, se Michael la trovava notevole, continuava il suo sviluppo e venivano registrati ulteriori strumenti. E poi, infine, Michael aggiungeva la sua voce. Quindi non ci sono 60 canzoni finite, ma 60 canzoni in vari stadi di sviluppo. E’ difficile dare una cifra precisa, ma una grande percentuale, la metà o più, sono solo strumentali e non hanno raggiunto la fase in cui Michael le cantava. Ci sono solo alcune canzoni che hanno raggiunto la fase in cui sono state dotate di tutte le parti vocali. Ed era una delle cose di cui eravamo al corrente. Sapevamo quali erano le canzoni complete a livello di parti vocali, perché senza di esse il brano non può essere presentato al pubblico, in quanto si tratta di una melodia strumentale in cui la voce di Michael è assente. L’idea era quindi di trovare canzoni complete al 100%, esattamente come Michael le aveva volute, o dei brani che avessero raggiunto una fase di completamento di circa il 95%. Così, su una delle canzoni che ho mixato, potete ascoltare Michael dare istruzioni ai musicisti o a chi lo assisteva, il che significa che la sua performance vocale non era definitiva, ma era molto vicino ad esserlo. Abbiamo cercato le canzoni più complete con le prestazioni vocali, in modo che il pubblico possa cogliere meglio quello che Michael voelva presentare.

Come le descriverebbe?
“Price Of Fame” è una di quelle canzoni che evocano il genere di cose che Michael viveva. La difficoltà di essere inseguito dalla gente, dalla stampa e dai paparazzi, cosa che lo infastidiva. “I’m So Blue”, che è un pezzo mid-tempo, esprime una dolce malinconia. Il titolo della canzone potrebbe suggerire che Michael sia infelice, malinconico, ma è un sentimento più passeggero… Come quando un giorno vi sentite molto felici e il giorno dopo più riservati, più silenziosi. E’ cantato splendidamente. “Free” è un’altra canzone assolutamente magnifica in cui Michael parla della mente umana quando cerca di liberarsi. Questo è un titolo che solleva davvero il morale: si può percepire la gioia nella sua voce. Sono sicuro che i fan di Michael Jackson la adoreranno perché si sente Michael in un momento della sua vita in cui era felice e giocoso.

“Song Groove (AKA Abortion Papers)” è una canzone nuova che potrebbe far colare un po’ di inchiostro (nel senso di articoli sull’argomento, ndt). Si potrebbe pensare che Michael, come ex Testimone di Geova, avesse una posizione piuttosto conservatrice nei confronti dell’aborto.
Michael pensava che le questioni importanti dovessero essere dibattute. Come dimostra il suo impegno con “We Are The Wold” per le persone colpite dalla carestia, Michael era molto sensibile alle sofferenze e alle difficoltà incontrate dalle persone. Si tratta di una esplorazione dei sentimenti e delle emozioni che una persona può sperimentare quando affronta la cosa. Tutto quello che posso dire è che Michael sentiva che l’argomento meritasse una seria discussione. E la canzone porta la speranza che possa essere affrontato in questo modo, senza commenti estremi.

Voi sollevate anche il velo sul brano “Al Capone”, che era una prima versione di “Smooth Criminal”. Anche se le parole di “Smooth Criminal” non evocano il proibizionismo, c’è molto riferimento a questo tema nel video musicale della canzone.
Le canzoni di Michael spesso subivano dei cambiamenti di stile durante lo sviluppo. Vi ho parlato di “The Way You Make Me Feel”, che all’inizio si chiamava “Hot Fever”, e di cui le modifiche riguardavano solo il titolo e il testo. Ma a volte una canzone che esplorava un argomento portava Michael a un altro brano il cui tema era simile, ma raffinato e definito con un angolo più particolare. Ed è il caso del brano “Al Capone”. In “Al Capone” Michael parla di qualcosa di molto specifico a proposito di questo personaggio e della sua storia. Per “Smooth Criminal” il soggetto si era evoluto, il personaggio che aveva in mente non era più così preciso, ma tuttavia molto interessante. Come avrete notato e come dimostra il video di “Smooth Criminal”, l’influenza resta malgrado tutto molto simile. Michael amava molto i film e lo stile di questo periodo, l’attore James Cagney che spesso ha interpretato il ruolo del gangster… Michael aveva capito quanto fossero significativi i film che rappresentavano questo periodo.

All’uscita del precedente disco postumo di Michael Jackson (“Michael”, ndr) c’è stata una polemica circa la voce di Michael su tre canzoni. Molti fan hanno fatto il confronto tra la voce presente nei brani e la voce di un imitatore di nome Jason Malachi. E hanno detto che non era Michael che cantava. Qual è la sua opinione su questo?
A quel tempo, prima che l’album Michael uscisse, l’Estate e Sony Music mi hanno chiesto di andare allo studio dove era in corso il lavoro in modo da poter ascoltare e dare il mio parere. E, sulla base delle mie conoscenze e della mia lunga collaborazione con Michael, ho stimato che quella che mi hanno fatto sentire era la sua voce. La registrazione non era di qualità molto buona, aveva avuto un trattamento che altera la purezza delle sue parti vocali. Non era la qualità del suono eccellente che Michael voleva per le canzoni che sono uscite. Ma in realtà secondo me era la voce di Michael.


Lei pensa in modo categorico che sia la sua voce sui brani “Breaking News”, “Keep Your Head Up” e “Monster”?
“Breaking News” è stato il brano su cui mi è stato chiesto di concentrarmi. E quando ho capito il modo in cui la voce era stata presentata, ho saputo che era la voce di Michael, perché l’ho sentita tante volte nel corso degli anni. In studio, mi hanno passato sia il mix del brano prima della sua uscita sia le parti vocali di Michael. Ho avuto modo di ascoltare le due cose, Michael con la musica e Michael senza la musica.

Ne ha discusso con altri collaboratori di Michael, e loro hanno condiviso la sua opinione?
Ho parlato con Bruce Swedien, l’ingegnere del suo che ha registrato gli album di Michael per tanti anni e mi ha detto che anche a suo parere era la voce di Michael.

Lui ha avuto modo di ascoltare le stesse cose che ha ascoltato lei?
Sì. So che ci sono state un sacco di polemiche su questo, ma la mia opinione è che era davvero la voce di Michael.

Michael Jackson, che non sapeva né leggere né scrivere la musica, ha registrato le sue prime idee su dei registratori portatili, cantando a cappella su delle cassette i progetti delle sue canzoni. Come potrebbero essere presentati al pubblico questi documenti?
So poco per quanto riguarda questi documenti. Ricordo che facevamo molto spesso in studio questo stesso tipo di registrazione su un equipaggiamento multitraccia. Spesso Michael aveva in mente un’idea per una canzone e la voleva esprimere. Ricordo in particolare all’epoca di Thriller, dove usava la sua voce e cantava imitando il suono di diversi strumenti, e noi lo registravamo su dei nastri in cui faceva il beatbox per la batteria, cantava imitando il basso, poi le chitarre, gli archi e gli ottoni. Creava l’arrangiamento e il suono della canzone usando solo la sua voce. E registravamo questo molto spesso in studio, in modo che l’idea della canzone potesse essere presentata ad un musicista, perché potesse capire come doveva suonare la sua parte. Per quanto riguarda i nastri di cui parli, io so che lui procedeva così, ma non so cosa se ne potrebbe fare in termini di presentazione al pubblico.

Ha lavorato nel 2004 su The Ultimate Collection, un cofanetto che era una retrospettiva sull’intera carriera di Michael Jackson. Su quanti brani inediti e demo vi eravate concentrati allora?
Mi ricordo di aver passato in rivista oltre un centinaio di nastri – alcuni con la voce di Michael, altri senza. I migliori sono stati scelti per questo progetto che copriva tutta la sua carriera. Volevamo che Michael fosse più coinvolto, ma lui era occupato con altri impegni. Ha esaminato ciò che era stato assemblato e ha dato l’approvazione finale al progetto. So che in futuro altre canzoni usciranno, ma prima che possa succedere dovrà essere fatto un lavoro più importante di ricerca negli archivi.

Michael in studio a Westlake ©MJJ

La canzone di Bad che l’ha più colpita?
Ho lavorato sulla maggior parte delle canzoni dell’album, però la canzone che preferisco non è stata scritta da Michael, ma da Siedah Garrett e Glen Ballard. “Man In The Mirror” per me rappresenta il miglior Michael, le sue emozioni, la persona che era e il modo in cui percepiva il mondo. Michael vedeva il mondo come un luogo che poteva essere molto meglio di quanto lo sia oggi. Michael vedeva le persone che muoiono di fame in Africa, le guerre, i crimini, tutte queste cose terribili. Ne parlavamo e si chiedeva: “Perché le cose devono rimanere in questo modo? La gente non potrebbe comportarsi meglio?” Il mondo potrebbe essere migliore se la gente si facesse un esame di coscienza e si concentrasse sulle cose essenziali. E quale modo migliore per esprimere questo che dire: “Se vuoi rendere il mondo un posto migliore, guardati allo specchio e fai un cambiamento”? E’ qualcosa di personale e molto potente. Ogni volta che ci penso mi commuove. Questo è esattamente ciò che era Michael. Qualcuno che amava il mondo, l’umanità, l’ambiente – e questo è ciò che mi resta in mente quando ascolto tutte queste canzoni.

Fonte: vibrationsmusic.com
Traduzione 4everMJJ MJSFansquare forum